Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Associazione

lunedì 11 giugno 2018

Carrello Verde, grande distribuzione cooperativa con il logo di qualità ambientale

foto news

Carrello Verde, l’assessore all’Ambiente della Regione Emilia-Romagna Paola Gazzolo e il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti affiggono la vetrofania con il logo di qualità ambientale al Conad di via Tosarelli a Castenaso (BO). Domani sarà la volta del punto vendita Alleanza Coop 3.0 di via Martiri delle Foibe a San Lazzaro (BO)

È toccata al Conad di via Tosarelli a Castenaso (Bologna) la prima vetrofania di Carello Verde, il marchio che attesta l’adesione dei punti vendita della grande distribuzione al disciplinare di sostenibilità elaborato dall’assessorato all’Ambiente della Regione Emilia-Romagna e da Legacoop Emilia-Romagna d’intesa con Aterisr e con il contributo di NordiConad, Coop Alleanza 3.0 e Coop Reno.

Domani, martedì 12 giugno alle 10.30, sarà Coop Alleanza 3.0, col proprio punto vendita di via Martiri delle Foibe a San Lazzaro (Bologna), a ricevere l’attestazione di qualità ambientale.

All’evento di questa mattina hanno partecipato Paola Gazzolo, assessore all’Ambiente della Regione, Giovanni Monti, presidente di Legacoop Emilia-Romagna, Maela Selleri, della famiglia Selleri titolare del punto vendita Conad, Rita Pareschi di Legacoop Emilia-Romagna, Manuela Ratta, collaboratrice del servizio rifiuti della Regione, Massimo Deandrea, direttore della rete Nordiconad, Riccardo Grassi, assistente di zona Nordiconad.

Il negozio Conad di via Tosarelli, è stato inaugurato il 15 5ebbraio ed è dotato di tutti i sistemi innovativi di risparmio energetico strutturale: illuminazione a led che riduce i consumi e che abbassa la dispersione di CO2 nell’atmosfera; etichette prezzo ortofrutta totalmente biodegradabili proprio come il sacchetto; nel parcheggio è già presente un doppio distributore di energia per le automobili alimentate a corrente elettrica; vendita di prodotti sfusi (frutta secca o pane) che danno la possibilità al cliente di consumare solo ciò che serve riducendo i rifiuti; focus in ingresso su prodotti biologici e salutistici; banchi frigo chiusi con appositi sportelli, per mantenere il freddo e non disperdere energia inutilmente; pannelli fotovoltaici sul tetto per azzerare i consumi di energia; infine, in tutti i locali adibiti a uso dei dipendenti ci sono i contenitori per la raccolta differenziata.

“Negozi e supermercati, ogni giorno frequentati da migliaia di cittadini, rappresentano snodi strategici per contribuire all’informazione e alla diffusione di nuovi stili di vita e di consumo sempre più green – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo –. Gli attuali 71 punti vendita certificati sono un buon risultato, ma rappresentano solo la prima tappa di un percorso che porterà a estendere la rete degli esercizi commerciali aderenti e ad elevare progressivamente la sostenibilità ambientale delle attività commerciali presenti sul territorio regionale”.

“L’iniziativa promossa dalla Regione, d’intesa con Atersir, l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti e Legacoop Emilia-Romagna – precisa il presidente di Legacoop, Giovanni Monti – è frutto di un accordo a cui hanno aderito alcune cooperative nostre associate del consumo e dei dettaglianti. Si tratta di Coop Reno, Coop Alleanza 3.0, e Nordiconad, che hanno collaborato attivamente nella definizione degli aspetti tecnici del sistema e si sono impegnate a promuoverne l'adesione presso i propri associati, consentendo di raggiungere un’ampia platea di cittadini, nonché di contribuire a valutarne gli effetti attraverso il monitoraggio. Il progetto ‘Carrello Verde’, nell’offrire ai consumatori maggior consapevolezza verso le azioni di prevenzione nella produzione di rifiuti, aggiunge un altro tassello alla lotta contro gli sprechi”.

Sono 71 i punti vendita della grande distribuzione che in Emilia-Romagna potranno esporre il “Carrello Verde”, il logo della Regione che premia l’impegno e le iniziative avviate per migliorare e proteggere l'ambiente. Gli esercizi commerciali certificati sono distribuiti su tutto il territorio regionale: la provincia con il maggior numero di attività commerciali iscritte è Bologna con 35 punti vendita, seguita da Modena con 15, Ferrara con 8, Ravenna con 4, Reggio con 3, chiudono Parma e Rimini con 2 punti vendita ciascuna e le province di Piacenza e Forlì/Cesena con un punto vendita a testa.

Nella foto, l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, e il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti, affiggono la vetrofania col logo Carrello Verde all’ingresso del punto vendita Conad di via Tosarelli a Castenaso (Bologna).