Delegazione olandese in visita alle cooperative sociali della regione

Dal 14 al 16 novembre, Legacoop Emilia-Romagna ha accolto un gruppo di 25 ospiti olandesi in visita a Bologna per uno study tour sulle cooperative sociali con focus sulle attività che promuovono l’inclusione lavorativa di persone svantaggiate.

Il gruppo era composto prevalentemente da manager di imprese sociali di grandi dimensioni a partecipazione pubblica, associate a Cedris, associazione nazionale olandese per l’occupazione sociale e il reinserimento di persone con diversi livelli di disabilità. Il gruppo comprendeva inoltre rappresentanti del Ministero degli Affari sociali e dell’Occupazione, delle municipalità che fanno parte del consiglio di amministrazione delle imprese, l’agenzia nazionale per l’impiego e di Cedris stessa. La visita è stata organizzata da Diamant Groep, società che favorisce il collocamento e la partecipazione al lavoro di persone considerate distanti dal mercato del lavoro. Le imprese che hanno partecipato sono attive principalmente nel settore dei servizi di pulizia del verde, lavanderia e raccolta rifiuti nel sud dell’Olanda.

Obiettivo specifico della visita era di conoscere le nostre esperienze di laboratori protetti delle cooperative sociali ed è stata un’importante occasione di scambio reciproco, date alcune diversità che caratterizzano i due sistemi. Emiliano Galanti, responsabile area welfare di Legacoop Romagna ha illustrato le caratteristiche del sistema cooperativo in Italia e in particolare delle cooperative sociali. Il gruppo ha avuto l’opportunità di visitare diverse cooperative del territorio: la Cooperativa Sociale Anima e la loro “Locanda Smeraldi” per il pranzo; la cooperativa Copaps, i suoi vivai di Ca’ Del Bosco, e il pranzo presso l’agriturismo “Il Monte” a seguito di un incontro con la dott.ssa Rubini, responsabile dei laboratori protetti; la cooperativa Il Martin Pescatore e i loro laboratori protetti di falegnameria, restauro mobili, giardinaggio e sartoria dove il gruppo ha avuto modo di ascoltare le esperienze delle persone che operano direttamente nei laboratori cogliendo a pieno l’importante ruolo che le cooperative ricoprono nella loro vita. Infine, la visita a Virtual Coop e alle varie aree dei servizi di elaborazione dati e digitalizzazione, seguita dal pranzo all’ Osteria La Buca del Pallone gestita dalla Cooperativa Sociale La Piccola Carovana.