Alleanza Cooperative Sociali Emilia-Romagna Regione Emilia Romagna servizi socio sanitari

Cooperative sociali, positive le attenzioni della Regione Emilia-Romagna ai servizi. Persiste la grave crisi di reperimento del personale

L’Alleanza Cooperative Sociali Emilia-Romagna esprime apprezzamento per il sostegno della Regione Emilia Romagna ai servizi socio sanitari rivolti a persone anziane o con disabilità. Sottolinea la preoccupazione per la difficoltà a reperire infermieri e operatori socio sanitari

 

Come AGCI Solidarietà, Confcooperative Federsolidarietà e Legacoopsociali dell’Emilia-Romagna, riunite nel coordinamento dell’Alleanza Cooperative Sociali dell’Emilia-Romagna sottolineiamo positivamente l’attenzione della Regione Emilia-Romagna nei confronti dei servizi rivolti a persone non autosufficienti anziane o con disabilità confermando l’ indispensabilità dei servizi, in particolare delle Cra-Rsa.

 

In particolare abbiamo apprezzato da parte della Regione l’adeguamento delle tariffe dopo il rinnovo del contratto nazionale di lavoro per migliorare le condizioni lavorative, il riconoscimento del pagamento dei posti tenuti vuoti causa Covid, il sostegno all’acquisto dei dpi.

 

Persiste una forte preoccupazione per la tenuta dei servizi conseguente a difficoltà nel reperire personale sanitario in particolare infermieristico.

 

Abbiamo rappresentato alla Regione questi problemi, anche avanzando proposte concrete come il reperimento di personale dall’estero o la possibilità di avvalersi di personale in pensione e la possibilità di far acquisire il titolo da operatore socio sanitario contemporaneamente all’ apprendistato. Siamo in attesa di risposte, consapevoli che il problema è di natura nazionale.

 

Siamo orgogliosi del grande lavoro svolto da chi opera nelle cooperative sociali e orgogliosi dell’impegno dei gruppi dirigenti. Non riteniamo giuste le superficiali critiche che periodicamente vengono  rivolte a chi lavora in servizi indispensabili come le Cra-Rsa, servizi rivolti a persone che esprimono bisogni che non possono trovare risposte in ambito domiciliare. Un ambito, quest’ultimo, nel quale operiamo da sempre e che riteniamo necessiti di un ripensamento collettivo e di un potenziamento di risorse.

 

Agci Solidarietà, EMANUELE MONACI

Federsolidarietà Emilia Romagna, LUCA DAL POZZO

Legacoopsociali Emilia Romagna, ALBERANI ALBERTO