raviplast platica

Raviplast ottiene la certificazione Plastica Seconda Vita

La cooperativa Raviplast ha ottenuto la certificazione “Plastica Seconda Vita”, il primo marchio europeo dedicato ai materiali e manufatti nella cui produzione è utilizzata plastica da riciclo. Si tratta di un risultato importante per l’impresa con sede in darsena, nata nel 2013 sotto forma di “Workers Buyout” da parte di un gruppo di ex dipendenti della Nuova Pansac.

 

raviplast plastica

 

«Raviplast ha scelto questa certificazione per attestare la forte attenzione che pone al tema della sostenibilità ambientale degli imballaggi plastici flessibili. Il marchio ci pone inoltre in una condizione di favore rispetto alla applicazione della cosiddetta “Plastic Tax” che entrerà in vigore il prossimo mese di luglio», spiega l’amministratore delegato, Carlo Occhiali.
La materia plastica che proviene da processi di riciclo viene infatti esentata dall’imposta, come previsto dalla Legge di Bilancio. Si è ora in attesa del provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che entro maggio definirà le modalità concrete dell’esenzione.

 

Il Marchio Plastica Seconda Vita

Il Marchio Plastica Seconda Vita è una Certificazione ambientale di prodotto che rende riconoscibili i materiali e i manufatti ottenuti dalla valorizzazione dei rifiuti plastici. Il disciplinare è riconosciuto da Accredia: ciò significa che possiede tutte le caratteristiche di oggettività, accessibilità, imparzialità e indipendenza delle etichettature che possono essere espressamente richieste dagli enti appaltanti, ai sensi del Codice degli Appalti. Per lo stesso motivo è espressamente citato dai decreti riportanti i Criteri Ambientali Minimi per il Green Public Procurement come mezzo di verifica della conformità del contenuto di plastica riciclata. Punta sulle garanzie offerte dagli standard tecnici di settore UNI UNIPLAST 10667 e dalle verifiche operate da Enti di Certificazione accreditati. Applica il concetto di “rintracciabilità” dei materiali riciclati e ne calcola il contenuto secondo quanto previsto dalla norma UNI EN ISO 14021.