Bando regionale per la promozione delle filiere produttive sui mercati internazionali

Bando regionale per la promozione delle filiere produttive sui mercati internazionali

La Regione Emilia-Romagna intende traghettare il sistema produttivo regionale oltre la crisi indotta dalla pandemia da Covid-19 attraverso l’accelerazione dell’export e lo scale up delle imprese esportatrici, il digital export, il rafforzamento delle partnership con le due aree maggiormente dinamiche: il Nord America da un lato, la Cina e l’ASEAN dall’altro. L’adesione della Regione a Expo Dubai sarà inoltre l’occasione per sviluppare azioni promozionali con l’area MENASA (Medio Oriente, Nord Africa e Sud Est asiatico).

 

Per raggiungere questi obiettivi, la Regione ha strutturato il Programma pluriennale ER Go Global 2021-2025 nell’ambito del quale un ruolo innovativo sarà giocato dal coinvolgimento e dal traino che le imprese maggiormente strutturate e internazionalizzate potranno svolgere per le filiere regionali. In particolare, appare molto utile rafforzare le supply chain regionali che sono in genere guidate da Grandi e medio-grandi imprese verso gli obiettivi di sostenibilità e resilienza, accorciando le catene di distribuzione. Il bando regionale per PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE FILIERE PRODUTTIVE, in scadenza il 10/09/2021, ha l’obiettivo di raccogliere proposte progettuali promosse da imprese dell’Emilia-Romagna strutturate e già internazionalizzate(*) volte a promuovere la filiera produttiva di appartenenza sui mercati internazionali, favorendo in particolare l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese ad essa associate, la diversificazione dei mercati, la sostituzione delle importazioni. I progetti dovranno pertanto comprendere l’adesione di almeno 5 piccole e medie imprese (PMI) regionali che esercitano attività industriale di produzione di beni e servizi (escluse imprese agricole).

 

Il progetto deve definire chiaramente un percorso strutturato di internazionalizzazione delle imprese che deve articolarsi negli anni 2021, 2022 e 2023 e deve focalizzarsi in un solo paese (sono considerati prioritari: USA, CANADA, UK, GERMANIA, FRANCIA, SPAGNA), salvo progetti basati prevalentemente su azioni di accoglienza di operatori esteri sul territorio regionale, che possono prevedere azioni di ricerca partner e inviti da più paesi.

 

Sono ammissibili le spese promozionali, le spese di incoming, di consulenza, di partecipazione a fiere (in Italia e all’estero) in forma collettiva, la realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali, servizi di analisi e orientamento specialistico, spese di comunicazione, viaggi all’estero del personale incaricato.

 

I progetti, per essere ammissibili, devono avere un valore minimo di € 50.000. La Regione agevolerà i progetti approvati con un contributo a fondo perduto del 50% del valore delle spese ammissibili, fino ad un contributo massimo di € 200.000.

 

Per maggiori informazioni: Roberta Trovarelli – trovarelli@emilia-romagna.legacoop.it

 

(*) Per impresa strutturata e internazionalizzata si intende un’impresa con le seguenti caratteristiche:

  • avere esportato più del 30% del proprio fatturato annuo nell’ultimo biennio 2018-2019 o 2019-2020, oppure avere almeno un’unità operativa attiva nel mercato target del progetto;
  • avere un fatturato annuo di almeno 5.000.000 di euro nell’ultimo anno o nel 2019;
  • avere una adeguata capacità organizzativa che sarà verificata tramite numero e ruolo del personale indicato per la realizzazione del progetto;
  • avere un’attività di impresa coerente con la filiera e il mercato target indicati nel progetto, ed evidenziare un brand riconosciuto;
  • svolgere un ruolo di “capo-filiera” in Regione o in Italia, ovverossia poter dimostrare una propria rete di subfornitura o di collaborazione per la produzione di beni e servizi venduti nel paese target.

 

Scarica la scheda di sintesi del bando